LA SICILIA – «LE DEMOLIZIONI CON POCHI FONDI VENGONO RINVIATE»