Magistrati Amministrativi | Sconcerto dei magistrati amministrativi sul rinvio del PAT: si usi immediatamente la firma digitale
16132
single,single-post,postid-16132,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Sconcerto dei magistrati amministrativi sul rinvio del PAT: si usi immediatamente la firma digitale

Sconcerto dei magistrati amministrativi sul rinvio del PAT: si usi immediatamente la firma digitale

Documento approvato dalla Giunta Esecutiva del 07.07.2016

ASSOCIAZIONE NAZIONALE MAGISTRATI AMMINISTRATIVI – A.N.M.A.

Giunta Esecutiva

Presso: T.A.R. del Lazio – Via Flaminia, 189 – 00196 ROMA

Tel./Fax 06.3202929 – email: info@anmadirettivo.it

 

Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri,

Al Segretario generale della Giustizia Amministrativa,

Ai colleghi magistrati amministrativi,

Al Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa,

 

La Giunta ANMA,

appreso con stupore del repentino rinvio del processo amministrativo telematico (cd. PAT) a poche ore dalla sua entrata in vigore giusto D.L. 117 del 30.06.2016;

considerato che:

-) da circa otto anni, tutti i provvedimenti giurisdizionali sono rilasciati in formato digitale, salva poi la necessità di apporre la firma tradizionale sulla copia cartacea, per la pubblicazione;

-) finalmente, proprio in vista dell’entrata in vigore del PAT, si è proceduto ad aggiornare il software per consentire di firmare i provvedimenti digitalmente (essendosi fornito ai magistrati il relativo ‘kit’);

-) il sistema informatico della giustizia amministrativa (SIGA) da tempo consente ai magistrati di esaminare i documenti in formato digitale attraverso il portale SIGA;

Atteso che l’art. 136 co. 2 bis bis del codice del processo amministrativo stabilisce che: «tutti gli atti e i provvedimenti del giudice, dei suoi ausiliari, del personale degli uffici giudiziari e delle parti possono essere sottoscritti con firma digitale»;

Ritenuta l’assoluta necessità:

-) di un periodo di diffusa sperimentazione del processo telematico, stante l’evidente inadeguatezza della sperimentazione limitata a poche sezioni sul territorio nazionale;

-) del coinvolgimento delle rappresentanze dei magistrati (già chiesto più volte senza esito) nei tavoli tecnici che si occupano del passaggio al processo telematico;

CHIEDE

a) di consentire immediatamente l’uso della firma digitale per la sottoscrizione dei provvedimenti;

b) di istituire un tavolo tecnico aperto alle rappresentanze dei magistrati;

c) di ampliare la sperimentazione consentendo la creazione del fascicolo digitale unitamente a quello cartaceo.

 

f.to

il segretario generale

Fabio Mattei

i componenti

Luca Cestaro

Marco Poppi

No Comments

Post A Comment

*